- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeForexEUR/USD estende lo scivolo verso 0,9900 in mezzo alla notevole domanda di...

EUR/USD estende lo scivolo verso 0,9900 in mezzo alla notevole domanda di USD

- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

EUR/USD rimane sotto pressione verso 0,9900, osservando un nuovo minimo da due decenni all’inizio dell’Europa. Il dollaro USA marcia in rialzo con i rendimenti in mezzo alla posizione da falco della Fed Powell e all’avversione al rischio. Il discorso della BCE e le notizie sugli stimoli fiscali tedeschi non riescono a salvare i rialzisti dell’EUR.

Le prospettive tecniche a breve termine mostrano che la tendenza ribassista rimane intatta con l’indicatore Relative Strength Index (RSI) sul grafico a quattro ore che rimane al di sotto di 50. Al rialzo, la SMA a 20 periodi forma una resistenza provvisoria a 0,9960 davanti a tutto -importante livello di parità. Anche se la coppia dovesse salire al di sopra di quest’ultimo, potrebbe incontrare una forte resistenza a 1,0020, dove il  ritracciamento di Fibonacci del  23,6% dell’ultimo trend ribassista incontra la SMA a 50 periodi.

Al ribasso, 0,9920 (punto finale del trend ribassista) si allinea come primo supporto prima di 0,9900 (livello psicologico, minimi pluriennali) e 0,9850 (livello statico da luglio 2002).

Dopo aver registrato perdite settimanali, EUR/USD ha iniziato la nuova settimana sotto una modesta pressione ribassista ed è sceso verso 0,9900 prima di mettere in scena un rimbalzo. L’ambiente di mercato avverso al rischio favorisce il biglietto verde all’inizio della nuova settimana, ma i commenti aggressivi dei funzionari della Banca centrale europea (BCE) potrebbero limitare il ribasso della coppia nel breve termine.

Venerdì, il presidente del FOMC Jerome Powell ha ribadito che dovranno mantenere la politica in territorio restrittivo per “un po’ di tempo” per ripristinare la stabilità dei prezzi. Powell si è astenuto dall’accennare all’entità dell’aumento dei tassi di settembre e ha aggiunto che continuerà a monitorare i dati prima di decidere il prossimo passo politico. A loro volta, i principali indici di Wall Street hanno subito pesanti perdite e l’  indice del dollaro USA  ha guadagnato slancio rialzista, pesando pesantemente sull’EUR/USD.

Durante il fine settimana, diversi responsabili politici della BCE hanno espresso le loro preoccupazioni per il deprezzamento dell’euro e il suo potenziale impatto negativo sull’inflazione. “Certamente stiamo monitorando il tasso di cambio”, ha affermato il policymaker della BCE Olli Rehn e ha osservato che si trattava già di una considerazione significativa nella definizione della politica monetaria. Per quanto riguarda le prospettive politiche, “anche se entriamo in una recessione, non abbiamo altra scelta che continuare il percorso di normalizzazione”, ha affermato Isabel Schnabel, membro del Consiglio direttivo della BCE. Questi commenti sembrano aiutare la valuta condivisa a mantenere la sua posizione per il momento.

Non ci saranno rilasci di dati ad alto impatto nel mercato economico statunitense e la percezione del rischio potrebbe guidare l’azione del mercato. Al momento della stampa, i futures su indici azionari statunitensi erano in calo tra lo 0,7% e l’1,2%. Nel caso in cui le  azioni statunitensi  cadano bruscamente dopo la campanella di apertura, il dollaro potrebbe continuare a rafforzarsi nella seconda metà della giornata.

- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
Stay Connected
16,985FansMi piace
999FollowerSegui
6,489FollowerSegui
2,458FollowerSegui
Must Read
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img
Related News
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Verified by MonsterInsights